Ultima modifica: 20 agosto 2014

Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi scolastici dell’Istituto Comprensivo Statale di Verdello trae i suoi fondamenti normativi da:

  • gli artt. 3 – 33 – 34 della Costituzione della Repubblica Italiana
  • le leggi dello Stato relativamente all’ordinamento scolastico
  •  i “ Principi fondamentali sull’erogazione dei Servizi pubblici”, secondo la direttiva del Presidente del Consiglio del 27 Gennaio 1994
  • la direttiva n. 254 del 21 luglio 1995 (relativa appunto all’introduzione della Carta dei servizi scolastici) e soprattutto il D.P.C.M. 7 giugno 1995 (recante lo Schema generale di riferimento della “Carta dei servizi scolastici”)
  • la Legge del 27 Agosto 1990 n. 241 sulla trasparenza delle attività amministrative
  • la normativa sulla privacy.

La Carta dei Servizi, approvata in sede di Consiglio di Istituto dopo essere stata discussa e valutata dagli organi collegiali dell’istituzione scolastica, è il documento mediante il quale l’Istituto:

1.    dichiara attraverso quali regole, modalità e procedure erogherà il servizio scolastico agli alunni/e e alle loro famiglie;

2.    esplicita agli utenti la sua azione, i livelli di qualità attesi per un certo servizio e delle sue modalità di fruizione, individua gli standard della propria prestazione, dichiarando i propri obiettivi e riconoscendo specifici diritti in capo al cittadino-utente-consumatore;

3.    risponde alla domanda delle famiglie e di altre Istituzioni esterne, le quali chiedono di conoscere e, nel caso dei genitori, condividere, il progetto educativo della loro scuola e le procedure attraverso cui esso concretamente si attua.

La Carta dei Servizi contiene anche una vera e propria carta dei diritti e doveri dell’utente, nell’ottica di stabilire le reciproche regole di relazione tra cittadini e pubblica amministrazione. È sempre in costruzione, come le regole della vita scolastica e la sua organizzazione, che mutano di continuo sia col crescere dei servizi erogati, sia con il modificarsi della nostra realtà in rapporto alla realtà esterna e ai bisogni in continuo rinnovamento degli alunni, dei genitori e del personale.